Archive for dicembre 2008

2008 => 2009

31 dicembre, 2008

il detto “anno bisesto anno funesto” in questo 2008 si è manifestato in tutta la sua completezza… abbiamo provato dolore e delusione, abbiamo perso persone a noi carissime, abbiamo fatto alcuni viaggi importanti (belli, insieme), abbiamo inseguito i nostri sogni (alcuni realizzati altri ancora da realizzare), abbiamo trovato l’Amore, abbiamo riscoperto vecchi amici e trovati di nuovi, per non parlare della crisi economica…
Questacasa è ancora qui, unita per affrontare il 2009 con la speranza che il nuovo anno sia migliore di quello che stiamo per lasciarci alle spalle.

Siate ei registi del vostro Futuro!

Siate i registi del vostro Futuro!

Cari amici Br4d, Mukka, CanMan, W4lls vi augurano:
Bon Annu
Bonne année
HappyNew Year
Gung Hay Fat Choy
Xin nian yu kuai
Godt nytår
Gelukkige nieuwjaar
Gutes Neues Jahr
Hauoli Makahiki Hou
Shanah tovah
Akemashite Omedetou
Eutychismenos ho kainourgios chronos
Godt Nytt Ar
Maligayang Bagong Taon
Szczesliwego Nowego roku
Feliz ano novo
La Multi Ani
Novym Godom
Feliz Ano Nuevo
Gott Nytt Ar
Mutlu (or Hos) yilbasi

us-01-lunchtime

Annunci

Buone Feste e…

22 dicembre, 2008

bd1379-non-fare-come-la-befana

Possis nihil Urbe Roma visere maius

11 dicembre, 2008

roma_fulmini

 

Mi va di scrivere e scrivo di Roma, manco fosse la prima volta che ne attraverso le strade bagnate ed alberate di foglie sparse qua e là… che pena che mi fai, tu che sei stata Capitale d’Italia ed ora di capitale non ti resta, forse, che il vizio… che tristezza doverti guadare tra fiumi cittadini di auto e torrenti di guano che le tue fogne non possono trattenere oltre e ti vomitano sopra con disprezzo… che puzzo di marcio che emani, quasi fossi una carogna morente che il lugubre pasto dei tuoi avventori ha ampiamente saziato…

Ancora ricordo lo schianto provato nel cuore quando ti conobbi per la prima volta, Città del sole, e fu amore a prima vista, illusi che fossimo fatti l’uno per l’altra…oggi invece tu muori puttana tra tempestosi fortunali e mi scacci via vergognosa, pudica del tuo stato, ricordandomi ogni giorno che fu solo infatuazione, ma mai amore vero….

E la tua gente, che ti calpesta ed abbandona, che si vergogna di gridare caput mundi se non quando si parla di pallone, la tua gente muore con te con un orgoglio tanto effimero quanto caciarone, alla romana insomma…

Addio Roma bella, tu muori come Cesare accoltellata mille volte esclamando Tu quoque, Brute, fili mi!

 

stanley

Il Ballo del San Vito (La notte del derby)

8 dicembre, 2008

dsc_0024

Sono le 2 passate. Di sonno neanche a parlarne. Dopo quasi vent’anni torna il derby di Calabria. L’unico vero derby. Contro i cugini cosentini. Io e Paul l’aspettiamo da quando siamo bambini. Ne abbiamo già visto qualcuno, ma vorremmo essere abbastanza grandi da ricordarceli. La prima volta che entrai al “Ceravolo” nel 1987 c’era il Cosenza. M’innamorai del Catanzaro. Vincemmo 2-0. C’era Palanca di qua e Marulla di là. Palanca era la bestia nera del Cosenza. Il Catanzaro era la bestia nera del Cosenza.

Domani Cenerentola è invitata al gran ballo del San Vito. I suoi tifosi no. Io mi infiltrerò, mi camufferò di rosso-blu, soffrirò per questi due colori accanto a Paul che farà altrettanto per i suoi. E’ il calcio. E’ il derby. Avanti Catanzaro…