Archive for settembre 2008

Errore di sistema…

25 settembre, 2008

Una giovane donna che decide di rifarsi il seno, come tante ragazze. Il risultato è qualcosa si assolutamente incredibile!! Un capezzolo in basso, l’altro in alto. Seno destro e seno sinistro completamente diversi…
La ragazza è disperata e mostra l’operazione sbagliata. Ha deciso di fare causa al chirurgo.
Vi mostriamo la foto denuncia della ragazza e la risposta del chirurgo:

[Le risorse del sistema non sono sufficienti per una visualizzazione…”
questo chirurgo non aveva windows vista 🙂 ]

I-phon

24 settembre, 2008

non ho saputo resistere alla tentazione.
ho provato I-phon, il nuovo gioiello della casa di cupertino …

ecco i pregi e difetti:
– bella linea, cool & friendly
– ottima manegevolezza grazie alla sua dimensione ridotta
– ergonomico

– peso eccessivo (no buono per viaggio)
– batteria non in dotazione (devi avere sempre una presa a portata di mano)
– pochi colori disponibili
– prezzo alto

il giudizio e’ buono, ma si e’ trattato di un acquisto impulsivo e lo vorrei vendere.

il prezzo e’ 300 euro e la foto e’ quella reale.

gli interessati possono lasciare un messaggio su questo blog.
astenersi perditempo o fancazzisti (quindi non rispondera’ nessuno :))

tnx
w4lls

“Intervengo io in prima persona…”

18 settembre, 2008

“Allora, perchè sei sconvolto?”
“Probabilmente oggi ho fatto più schifo io di chiunque altro nella storia del kung fu… Nella storia della Cina… Nella storia dello schifio!”
“Probabilmente…”
“I Cinque… Caspita, dovevate vederli! Mi odiavano una cifra!”
“Una cifra…”
“Come farà Shifu a trasformare me nel Guerriero Dragone?!… Insomma, io non sono come i Cinque… Non ho artigli, nè ali, nè veleno, perfino Mantide ha quelle… cosette… Forse dovrei mollare e tornare a fare gli spaghetti…”
“Mollare non mollare… Spaghetti non spaghetti… Ti preoccupi troppo di ciò che era e di ciò che sarà… C’è un detto: Ieri è storia, domani è un mistero, ma oggi è un dono. Per questo si chiama presente.”

Il saggio maestro Oogway conforta l’affranto e maldestro Po che non crede di poter diventare il Guerriero Dragone (KUNG FU PANDA )

[Se i governatori, i potenti, gli influenti, gli stessi lavoratori avessero visto il film Kung Fu Panda oggi (forse) Alitalia non sarebbe fallita. Che amarezza.]

Clic, zap, crash…

16 settembre, 2008

Ieri sera, prostrato dal primo lunedì in ufficio da annoiato proto-disoccupato, ho scelto una sana copertina di Linus arancio, stazionando davanti alla tv e godendomi l’economico spettacolo di tuoni e lampi fuori dalla finestra. Aggirandomi tra i vari palinsesti televisivi e volendo evitare accuratamente qualsiasi programma che impegnasse più di un neurone al minuto, mi sono imbattutto subito in uno stuolo di cosce e culi presentati da Ezio Greggio. Veline. Un crogiuolo di gnocca non indifferente che mi ha fatto subito pensare “ma perché queste signorine non erano l’altra sera a Salsomaggiore a giocarsi il titolo di Miss Italia?”. Con enorme dispiacere della mia passione per le competizioni, a fine trasmissione ho scoperto che la scritta “Finale” era in realtà uno specchietto per allodole perché non sarebbe stata scelta la velina mora…D-Eludente.

Per rifarmi dopo cena mi piazzo davanti all’Isola dei Famosi. Per fortuna la cena finisce alle 23 perché la prima serata di RaiDue, scopro, dura fino a mezzanotteemezza (00.30). Cerco di capire come sempre il senso della competizione. Inutile citare Vasco per dire che questo programma un senso non ce l’ha. Ci sono i famosi che non sono famosi e i non famosi che, giustamente, non sono famosi. E non lo saranno mai. Il vestito della Ventura è agghiacciante. Come chi lo indossa. Le tette dell’opinionista bionda, tale Mara, sempre più cadenti. I calzini del “giornalista” Giurato improbabili. Scopro che Luxuria è veramente un uomo e capisco il motivo per cui la sinistra italiana è scomparsa. Ma ho già azionato troppi neuroni. E allora mi rituffo nel gioco. Si sussegue una serie di cose strane, a metà tra il gioco e i riti tribali degli indigeni dell’Honduras, sede deputata ad ospitare questo carrozzone in cui scopro avere un posto di spicco il campione delle piscine Pippo Magnini. Sigh. D-Istruttivo.

Da un olimpionico all’altro decido che è arrivato il momento di riaccendere il cervello. Ed ecco una succulenta ri-apertura di Porta a Porta con ospite di turno nientepocodimenoche il premier in carne, ossa e plastica. Al di là delle boutades di Silvio, peraltro obiettivamente sempre più statista e meno circense (purtroppo!), scopro che, oltre ai cloroformizzati “giornalisti” in studio, trasluccica la lama tagliente del fioretto di Valentina Vezzali. Medaglie al collo, con tuta da gara, la Vezzali conquista milioni di spettatori grazie ad uno dei suoi meravigliosi affondi. Regala al premier il suo fioretto con dedica (“A Silvio Berlusconi con sincera stima”) e un invito da schermitrice pluri-medagliata (“Da lei mi farei toccare”). Suo marito, Mimmo Giugliano, ex mediano del Taranto, ringrazia.

Non è finita. Arriva la nuova avvenente, rossa, intelligente Miss Italia sicula. La prima cosa che dice, peraltro la più interessante, è uno sperticato elogio del maestro unico. Toh, che coincidenza. Il premier annuisce sornione e incassa. Si prosegue con Silvio che si rivolge a Vespa chiamandolo “Dott. Fede” (Freud si sarebbe fregato le mani) e rassicurandolo sulla serenità meteo-politica dei rapporti all’interno della maggiornaza. Vespa, per nulla seccato dalla gaffe precedente, ha già pronto un sole splendente in grafica e l’audio con i cinguettii dei passerotti per certificare (non è una battuta, è quanto visto ieri sera su RaiUno dopo la mezzanotte) le dichiarazioni del presidente. “E come sono, invece, i rapporti con l’opposizione?”. Risposta. “Basta leggere le agenzie per capire”. E dalla regia giù lampi e fulmini in video, il fragore dei tuoni in audio (non è una battuta, è quanto visto ieri sera su RaiUno dopo la mezzanotte). Se fossi in Bonaiuti inizierei a preoccuparmi. C’è qualcuno pronto a fregargli il posto di lavoro. S-Pento

Beh, è arrivata l’ora del giusto e meritato riposo. Mi giro verso Mukka e le auguro buonanotte. Vergognandomi un po’ per aver pensato che forse Porta a Porta potesse essere più interessante di Veline e dell’Isola. Sciooooocco! (®ainwiz)

BHC

1 settembre, 2008

Ci siamo. Ci risiamo.

Dopo le meritate vacanze in giro per il Sud Italia ritorniamo in questacasa anche se, per qualcuno, non c’è neanche il tempo per disfare le valigie che già riparte.

Ma veniamo alla notiziona. Riapriamo la stagione con un evento eccezionale: questacasanonèunalbergo crea una nuova griffe… In anteprima per voi!

Stasera ci sarà il primo staff meeting per la scelta dei materiali e la comunicazione del marchio.

Faremo tutto con il sorriso, la gioia e la semplicità che ci contraddistingue…

A presto,

questacasanonèunalbergo

BHC holding