Chiudete le valigie, amici. Si va a Berlino!!!

by

300px-berlin-wall-dancing.jpg

Con circa dieci mesi di ritardo rispetto a Bergomi, Caressa, Lippi & Co. e con 62 anni rispetto ad americani, sovietici & Co. anche la nostra casa si appresta a conquistare Berlino. 

La città-icona del XX secolo. La città che ospita il simbolo visivamente più potente delle dicotomie tra Est e Ovest, tra guerra e pace, tra libertà e sottomissione, tra vita e morte, tra odio e amore, tra ricchezza e povertà. La città che si è affacciata al XXI secolo con la voglia e la speranza di ripartire. Con la voglia di dimenticare le cupe divisioni del ‘900 per diventare il cuore pulsante delle nuove mode e delle nuove tendenze artistiche europee.

La città che ci ha regalato il sogno mondiale e ce lo ha fatto realizzare in una notte afosa d’inizio estate. Quando The Wall non aveva più le tinte cupe dei primi anni ’60 o i colori sgargianti partoriti dalla fantasia dei writers. Quella notte Il Muro era azzurro, aveva il numero 5 e una fascia bianca attorno al braccio. Quella notte Il Muro era il sorriso fanciullesco di Fabio Cannavaro nel sollevare la Coppa al cielo.

Quella notte il cielo era azzurro sopra Berlino.

P.S.: la casa ha prenotato solo il volo, anche perché refrattaria per nome, per statuto e per mission ad ogni tipo di albergo! Chiunque volesse aderire al viaggio può chiedere informazioni al desk della casa che fornirà data e orari di partenza. Per il soggiorno si provvederà tra qualche settimana dopo aver valutato diverse ipotesi. Le più accreditate sono, allo stato  attuale, le gelide ma accoglienti panchine di Gendarmenmarkt o di Potsdamer Platz.

15 Risposte to “Chiudete le valigie, amici. Si va a Berlino!!!”

  1. the rethor Says:

    lo chef (semipiangente) consiglia alloggio a prenzlauerberg…pieno ost, pieno di gente di locali di mamme in bici con bambini nel marsupio e birre nel portapacchi…ostello a 18 euri/notte, tra l’altro…imprescindibile il ghetto intorno a rosaluxemburg platz…kreutzberg…un po’ di soviet in karlmarx allee (se trovate il museo della stasi ditemelo perchè io non l’ho trovato)…il judenmuseum…l’holocaust manmal (angoscia, babe!)…passeggiare in unter den linden, provare a bruciare un libro davanti alla humboldt, il pergamon (cazzo, sì)…barbecue al tiergarten, un salto alla zoo con bowie nelle orecchie, la torre con l’angelo perchp wenders l’abbiamo visto tutti e non contiamoci balle (con nick che canta from her to eternity)…le trabant ci sono davvero…al reichstag c’è sempre coda…potsdamer platz mette le vertigini…e poi se avete la pazienza di seguire una striscia di sanpietrino lunga chilometri avrete coscienza di che cazzo è un mauer…non dimenticate di prendere un po’ di vento, di scorrazzare con la u2 (quella gialla), di mangiare un wurst lunghissimo con sauerkraut che spunta da entrambe le parti di una pagnotta maniglia minuscola…e, già che ci siete, non dimenticatevi di me, và…in qualche modo spunterò all’improvviso nelle vostre foto cartolina sotto la brandeburger tor…prosit

  2. br4d Says:

    che dire…siamo già pronti con nikon giapponese in mano per riprendere il tuo nuovo ciuffo ribelle alla morrissey che profuma di capitolino…nuovo taglio nuova vita…si sa…e dire che volevo passare a comprare la guida di berlino proprio oggi…vabbé vorrà dire che ho risparmiato 20 euri…

  3. halfcharge Says:

    I’m ready!!! Vado a riprendere lo scampolo di cuore che c’ho lasciato 3 anni fa… Peccato che non ci sia la mia pecora… Ma ci siete voi!!! Al momento di ripartire… lasciatemi lì!

  4. mukkabike Says:

    Si, ok…tutti felici…ma a me e alla mia fottutissima paura dell’aereo chi ci pensa????
    😦

  5. halfcharge Says:

    Amò, abbiamo già allertato gli assistenti di volo, i 118 nostri e degli altri, le squadre dei pompieri e quelle dei sommozzatori (anche se acqua sotto di noi sarò difficile trovarne…) la polizia locale, la CIA… insomma, in caso di malore/incidente/attentato/dirottamento (qui ci sta una toccatina 🙂 )puoi stare tranquilla!!!

  6. w4lls Says:

    IO NON SOPPORTO I TEDESCHI! 😀

  7. mukkabike Says:

    …peggio mi sento…. 😦

  8. w4lls Says:

    mukkabike… dormi e non ci pensa’…

  9. valentina piccola Says:

    ma scusa partite e c’avete pure il coraggio di lamentarvi? ma io dico… uff! come v’invidio… buuuuuuuuuu

  10. br4d Says:

    francamente preferirei essere sotto tesi piuttosto che dovermi preoccupare di organizzare sette/otto teste pensanti diverse per il viaggio…di tenere a bada la illogica ma insolubile paura di volare della mia mukkabike…di contenere l’infatuazione per Berlino di halfcharge, pronta a camminare per 60 ore consecutive senza sosta…di stare attento a non perdermi cana man per le strade del centro, magari dietro a qualche camionista punk…sarà dura, durissima…meglio scrivere una tesi…

  11. w4lls Says:

    io ho paura che i tedeschi mi abbattano…. come hanno fatto con mio cugino…

  12. political maniac Says:

    io berlino non l’ho mai vista, la routard non l’ho ancora comprata, ma mi assumo tutte le responsabilità della scelta…
    io da berlino mi aspetto una città che ha vissuto parecchio.
    i deliri di superuomini piccoli piccoli, le paure di mostri travestiti da gente normale, la follia di due mondi che si odiano allo specchio, il ruolo devastante di capro espiatorio del pianeta…
    e poi l’anteprima delle idee, il gioco degli eccessi e (concedetemelo) la serietà di una politica che riesce a nobilitare anche l’inciucio… altro che patti della crostata…
    chissà se è questo che ci aspetta a berlino… forse no…
    berlino. aspettaci.

  13. w4lls Says:

    valentina aggiungiti pure tu!

    P.S.: la casa ha prenotato solo il volo, anche perché refrattaria per nome, per statuto e per mission ad ogni tipo di albergo! Chiunque volesse aderire al viaggio può chiedere informazioni al desk della casa che fornirà data e orari di partenza. Per il soggiorno si provvederà tra qualche settimana dopo aver valutato diverse ipotesi. Le più accreditate sono, allo stato attuale, le gelide ma accoglienti panchine di Gendarmenmarkt o di Potsdamer Platz.

  14. urigami Says:

    a potsdamer che il tettuccio circolare e poi puoi sempre imboscarti tra i parallelepipedi del monumento li a fianco..

  15. the rethor Says:

    lo specchio sì. berlino è una città specchio. così schizoide da trovare un frammento di vetro per tutti. senza che l’immagine esploda o anche solo si scomponga. lo specchio del bene bene e del male male. pensieri deliranti ma mai folli. sì, funziona anche l’inciucio lì, ma questa è un’altra storia, senza offesa per angela. prosit

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: